Raccolte d’archivio

>

La collezione comprende un fondo fotografico di oltre trecento stampe fotografiche e fotomeccaniche, realizzate con tecniche differenti, databili dagli ultimi decenni dell’Ottocento all’inizio degli anni Quaranta del secolo successivo. Presente anche un fondo librario antico che si è costituito nel tempo per vie diverse: da un lato il collezionismo del Bellini, dall’altro le provenienze dall’archivio comunale. Facendo un’analisi del fondo si possono individuare alcuni soggetti comuni quali: arti, filosofia e psicologia, geografia e storia, letteratura, religione, scienze sociali, scienze naturali e matematiche, tecnologia. L’arco cronologico spazia dal 1494 data dell’edizione aldina Super prima et secunda parte Infortiati di Paolo di Castro, unico incunabolo della raccolta, ai testi della propaganda fascista degli anni Venti. Interessante anche un fondo documentario con quattro sono le sezioni: il carteggio di Bellini, i documenti dal XV al XIX secolo, i documenti del Novecento, gli autografi.

Le raccolte d’archivio per ragioni conservative non sono esposte, sono visibili su richiesta.