Arte

>

«Locale galleria con vecchi schizzi e disegni d’autore»: qui si trovava nella disposizione originaria il corpus di disegni ottocenteschi del Bellini. La loro
presenza nella raccolta asolana può essere legata alla figura di Francesco Belli Petrilli, amico e avvocato romano.
Il nucleo più cospicuo è costituito dai disegni di Luigi Impaccianti (1825 (?)-1882) artista legato alle correnti del Neoclassicismo e del Purismo, nel 2006 si arricchisce con la donazione effettuata dalla signora Nada Parenti Cima di schizzi e disegni eseguiti con diverse tecniche, dipinti a olio e alcune litografie e carte dattiloscritte del padre Marino Parenti (1900-1963) affermato intellettuale dell’industria culturale italiana. Nella raccolta troviamo testimonianza anche della pittura di Otello Bernardi (1907-1981), attivo tra Bergamo, Brescia, Canneto sull’Oglio e Asola, dove si trasferisce nel 1955, accoglie i contributi non solo della cultura pittorica italiana dagli anni Venti e Trenta all’Informale, ma anche di quella francese dagl’Impressionisti a Cezanne, filtrata attraverso l’opera di Modigliani e Picasso.
Recente la donazione dell’artista contemporaneo Stefano Arienti (1961) con l’opera, su teli antipolvere, pensata per dar risalto ai soggetti dipinti sulle ante dell’organo della vicina Cattedrale.